Pin It

Ho la lingua bianca. Quali sono le cause? E’ il sintomo di una malattia grave?

Ti è mai capitato di notare una patina bianca sulla tua lingua? Può succedere, non è il caso di allarmarsi. Occorre, però, individuare le cause che rendono la tua lingua bianca per escludere la presenza di possibili malattie o disturbi.

Prima di cercare di porvi rimedio, specie se notiamo che non si tratta di un fenomeno passeggero ma persistente, è importante capire quali sono i fattori scatenanti della comparsa di quella strana patina bianca sulla superficie della lingua.

Cerchiamo di capire meglio quando e perché la lingua può diventare di colore bianco e come affrontare il problema. Mi raccomando, se la tua lingua diventa bianca per lunghi periodi di tempo, non esitare a contattare il medico!

Perché ho sempre la lingua bianca? Devo preoccuparmi?

Hai la lingua bianca? Il primo passo è distinguere tra un fenomeno saltuario, che scompare in pochi giorni, ed una sintomatologia cronica, prolungata nel tempo e persistente.

Lingua bianca: perché talvolta compare e come curarla

lingua bianca rimedi cause cure blogIn caso si tratti di un fenomeno passeggero, possiamo ricercare le cause della lingua bianca nella proliferazione di germi e batteri nella bocca oppure in uno squilibrio gastrointestinale o, ancora, può trattarsi di un banale sintomo parainfluenzale.

In questo caso basterà utilizzare un buon collutorio abbinando gli sciacqui ad un’efficace pulizia della bocca. Per eliminare la patina bianca sulla lingua può essere utile anche variare un po’ la dieta, eliminando i cibi grassi e le pietanze ricche di zuccheri, farinacei e latticini.

Un’alimentazione più sana ed equilibrata, con elevato consumo di frutta e verdura, è la cura migliore contro sintomi sgradevoli come la comparsa della lingua bianca e i problemi digestivi e intestinali.

In caso d’influenza, in presenza di una patina bianca sulla lingua, è bene consultare il medico di fiducia in modo da capire se questa è il sintomo di una infezione batterica in atto.

Una lingua di colore biancastro potrebbe anche essere la conseguenza di una diffusa secchezza del cavo orale oppure della presenza di una micosi della bocca. Anche in questo caso è bene rivolgersi al proprio medico di base, che provvederà alla somministrazione (se necessario) di farmaci o antimicotici (come il Fluconazolo o l’Itraconazolo). Potrebbe anche bastare una seduta dall’igienista dentale, quindi non spaventarti!

Quando la lingua bianca si cronicizza è bene consultare al medico

Se il fenomeno della lingua bianca è cronico e non tende a passare con il tempo potrebbe essere causato da patologie più gravi. Si tratta di malattie che interessano l’apparato digerente o il fegato (ad esempio la cirrosi epatica, la gastrite, il reflusso gastro-esofageo, il diabete o l’epatite).

Fra le cause della lingua bianca dobbiamo anche citare lo stress, che favorisce l’innalzamento dei livelli di adrenalina: in tal caso la composizione della saliva potrebbe subire delle modificazioni, diventando più acida.

Un’altra causa della lingua bianca può essere un’infiammazione a carico delle tonsille. In presenza di una patina bianca sulla lingua, le tonsille potrebbero essere soggette ad infiammazioni di varia entità, in genere accompagnate da bruciore alla gola.

Le sigarette possono far insorgere o incrementare il problema della lingua bianca. Se sei un fumatore accanito, infatti, potresti avere spesso a che fare con il disturbo della lingua bianca: una ragione in più per smettere!

Allo stesso modo il massiccio consumo di bevande alcoliche può dare origine a sintomi come la lingua bianca, in genere collegata a disturbi epatici più o meno gravi.

Ricordiamo che il piercing può dar luogo al fastidioso fenomeno della lingua bianca a causa della proliferazione batterica che ne consegue se non si opera una corretta pulizia e igienizzazione del cavo orale. Le infiammazioni e le infezioni causate da piercing realizzati in condizioni di igiene precaria possono dare origine alla comparsa di una patina bianca sulla lingua, oltre a diffuso gonfiore, sensazione di dolore e alito cattivo: in presenza di tali sintomi è bene rimuovere il piercing e chiedere un parere al medico o al dentista di fiducia.

Photo credit: Helga WeberCC

Carlotta Marchisi

About Carlotta Marchisi

Appassionata di Moda e Make-up, da anni lavora nel mondo del giornalismo online. Al suo attivo vanta collaborazioni con importanti portali del settore, nonchè una Laurea in "Culture e Tecniche della Moda".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*