Pin It

Nausee mattutine: trucchi e consigli per gestirle al meglio

Mangiare cibi ricchi di proteine, bere molto per evitare la disidratazione, consumare pasti piccoli, questi sono alcuni dei trucchi che possono limitare gli effetti sgradevoli delle nausee. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sulle famigerate “nausee mattutine”.

Molte donne durante i nove mesi di gestazione sono purtroppo soggette ad un disagio noto comunemente con il nome di “nausee mattutine”. La sensazione provocata dalle nausee é spesso durevole e di difficile controllo, soprattutto nei primi tre mesi di gravidanza. Le più fortunate si sentono solo un po’ spossate appena alzate dal letto, le più sensibili a questo problema, invece, possono arrivare ad essere affette da sensazione di vomito persistente, mal di testa e di stomaco, vertigini, stordimento.

Le nausee mattutine per le gestanti sono spesso difficili da gestire in quanto imprevedibili. Non é vero che si presentano solo di mattina, al contrario possono apparire in diversi momenti della giornata e con diversi gradi di incidenza. Solitamente sono limitate al primo trimestre di gravidanza anche se sono noti casi in cui la durata é stata più lunga. Di solito, comunque, compaiono attorno alla quinta settimana di gravidanza ed iniziano ad attenuarsi nella tredicesima settimana.

I sintomi sono svariati e possono rappresentare un fastidioso problema per le gestanti, soprattutto per le donne che sono alla loro prima gravidanza. Possono presentarsi improvvisamente dopo aver annusato qualcosa o se si cerca di alzarsi dal letto troppo velocemente. Le forme e le modalità con cui le nausee compaiono sono molteplici: mal di testa, sensazione di vomito, vertigini, stordimento, etc.

La comunità scientifica non é giunta ad un accordo sulle possibili cause delle nausee mattutine; esistono di fatto diverse teorie e con certezza ad oggi non esiste una cura ufficiale per gestire e far scomparire questo disagio. Le donne più soggette a questo tipo di sintomi possono però seguire una serie di consigli per cercare di attenuare gli effetti sgradevoli delle nausee durante i primi mesi di gravidanza.

Innanzitutto sarebbe preferibile mangiare in maniera più distribuita durante l’arco della giornata. Se in condizioni normali si consumerebbero tre pasti di modeste dimensioni, durante il primo trimestre di gestazione (il più delicato per chi soffre di nausee) sarebbe preferibile mangiare 5 o 6 volte al giorno, consumando pasti più contenuti.

Una dieta equilibrata con cibi ricchi di proteine come uova, formaggi e burro di arachidi, si é dimostrata efficace nel ridurre i sintomi più spiacevoli delle nausee mattutine. Nel caso di episodi di vomito provocati dalle nausee é fondamentale bere molto, durante tutto il giorno, per permettere al corpo di reidratarsi. Il vomito, soprattutto se reiterato nel corso della giornata, porta facilmente alla disidratazione, pericolosa in condizioni normali ma soprattutto se si aspetta un bambino.

Per evitare la sgradevole sensazione di stordimento e vertigine appena sveglie é consigliabile alzarsi dal letto sempre molto lentamente. Può essere utile anche tenere dei crackers (o, in alternativa, qualche altro cibo leggero da sgranocchiare) vicino al letto in modo da poterne mangiare uno o due prima di alzarsi.

Nel caso di sintomi gravi é sempre consigliato il ricorso al proprio medico di fiducia che saprà guidare e consigliare la gestante nella maniera più adeguata, in base alle sue necessità. Non tutti gli organismi umani reagiscono in maniera identica alle numerose sollecitazione corporee che si presentano durante la gravidanza, é quindi importante non sottovalutare nulla e non essere timorose nel rivolgersi al proprio medico anche solo per porre delle domande.

Carlotta Marchisi

About Carlotta Marchisi

Appassionata di Moda e Make-up, da anni lavora nel mondo del giornalismo online. Al suo attivo vanta collaborazioni con importanti portali del settore, nonchè una Laurea in "Culture e Tecniche della Moda".

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>