Pin It

Shatush: come realizzarlo in casa da sole



Lo Shatush è una tecnica di decolorazione dei capelli che permette di ottenere un effetto bicolore naturale e glamour. Il prezzo dal parrucchiere varia dai 60 ai 200 Euro. Se non volete spendere così tanto, però, potete provare a farvi lo Shatush da sole.

Il look che otterrete con lo Shatush, il trend capelli dell’anno, sarà quello dei capelli schiariti naturalmente sulle punte durante una vacanza a base di sole e spiaggia, della serie “sono appena tornata dal mare” (anche se in realtà siete appena uscite dall’ufficio stremate).

Nei saloni il prezzo di questa tecnica può variare dai 60 ai 200 Euro a seconda della lunghezza del capello e se si vuole fare la schiaritura o tonalizzare. Ma non disperate! Ci si può benissimo buttare sul fai-da-te senza correre troppi rischi ed evitare di ottenere colori “strani” e combinare disastri.

Belen con lo Shatush al Festival di Sanremo 2012

Come realizzare un perfetto Shatush fai-da-te.

Come si esegue lo Shatush in versione casalinga? Per iniziare dividete i capelli in 5 code di cavallo: 2 laterali e le altre 3 a partire dalla fronte fino ad arrivare sulla nuca. Con il pettine cotonatele per bene: vi basterà muovere velocemente il pettine a denti stretti verso le radici del capelli (insomma, pettinare al contrario le 5 code di cavallo, per ottenere un effetto “puffy”). La cotonatura dei capelli prima della decolorazione vera e propria è molto importante: in questo modo il colore si distribuirà più naturalmente evitando l’effetto meches.

Tutte le Celebrities che hanno provato lo Shatush

Applicate il decolorante sulle punte dei capelli, possibilmente con un pennello, e lasciate in posa qualche minuto. Dopodiché, procedete con la decolorazione anche della parte appena sopra le punte.


Attenzione a non superare la metà della lunghezza della capigliatura, altrimenti potrebbe risultare un colore troppo “rigido” o spezzato rispetto al vostro colore naturale. Lasciate in posa 10-15 minuti e risciacquate. Fatevi lo shampoo e applicate il balsamo come di consueto per ammorbidire il capello.

Non preoccupatevi per la salute della chioma. Lo Shatush, fatto con le dovute cautele, si tratta di un’operazione non invasiva, perché non attacca la cute.

Nei giorni successivi alla decolorazione utilizzate uno spray o, meglio ancora, uno shampoo schiarente. I più gettonati sono quelli della Shultz o della Pantene, col consiglio di non eccedere nelle dosi. Se avete i capelli molto delicati basta uno shampoo alla Camomilla oppure un impacco decolorante alla Birra.

About Giulia Santostefano

Iscritta all'Università IULM di Milano, frequenta il corso di Comunicazione, Media e Pubblicità. Si interessa di Moda e ama il disegno. Per rilassarsi ama scrivere sugli argomenti più disparati. Ha una passione per il Cinema e per i film di ogni genere, in particolare il cinema italiano degli anni '50 e '60.

6 Comments

  1. ciao ragazze io l’ho fatto ed è molto carino, una cosa se lo fate da sole occhio davvero fate attenzione a non toccare la pelle con il prodotto perchè può creare conseguenze fastidiose, io ho un irritazione che prude da matti!!

  2. grazie per l’informazione devo farlo vedere a mia figlia che lo vuole fare visto che il parrucchiere gli ha sparato 60 euro

  3. copiato!!!cavolo mia figlia voleva farseli dal parruchiere

  4. DAVVERO MOLTO INTERESSANTE.

  5. Pingback: Ombre hair fai-da-te: come ottenere lo “sfumato” che piace tanto alle donne | SPECCHIO E DINTORNI

  6. Pingback: Shatush o Catouche: il trend per i capelli più “in” dell'anno | SPECCHIO E DINTORNI

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>